IL PERCORSO ARCHEOLOGICO PONTE DI DIOCLEZIANO

Il ponte "cosiddetto" di Diocleziano sarebbe stato costruito secondo la tradizione locale (vedere Domenico Romanelli "Scoverte patrie di antiche città distrutte dei Frentani" , 1804, OmoBONo Bocache Manoscritti della Raccolta di memorie Lancianesi vol. 1 presso la biblioteca comunale di Lanciano) nel III secolo per unire Anxanum alla collina delle fiere mercantili (oggi corso Trento e Trieste zona Prato della Fiera). Il ponte fu modificato in epoca medievale (XII secolo) dopo un terremoto del 1088 e consolidato dall'imperatore Lotario di Germania nel 1138 e poi nel XV secolo con archi gotici e ancora nel XVI-XVII sec con l'edificazione del percorso chiuso carrabile detto "Corridoio".

Lo storico Bocache insieme a Romanelli argomenta del ritrovamento di una lapide del III sec. durante dei lavori di restauro del 1785, che attesterebbe l'edificazione del nuovo ponte dedicato a Diocleziano, a seguire sempre Bocache parla di un'altra lapide dell'era normanna (1138) che ricorda il restauro da parte di Lotario di Germania. La critica oggi, seguendo il Mommsen, tende a considerare tutte queste lapidi false.

Il ponte, restaurato negli anni '90 con scavi della Soprintendenza di Chieti, è dotato di mappatura turistica e percorso archeologico, mediante la lettura di pannelli esplicativi, che comprende tutto l'itinerario sotto la piazza Plebiscito, collegandosi al convento di San Legonziano (VIII secolo), situato presso la Chiesa di San Francesco.

Secondo Bocache oggi del ponte romano resta un frammento di arco nel pilastro maggiore dell'ultimo camerone del corridoio auditorium, mentre secondo Staffa il ponte sarebbe un frammento di zoccolo in opus incertum nell'ingresso creato per il percorso archeologico sotto la piazza che va al santuario.

Il ponte lato nord è composto di quattro enormi bastioni e arcate, che sovrastano il fiume della Pietrosa, che un tempo alimentava la sepolta fontana Pozzo Bagnaro. L'interno dietro le scale della torre campanaria è un auditorium in laterizio con volte volte crociera, camerini laterali con archi di rinforzo e ulteriori archi gotici del XIV sec attaccati alla parete destra, che attestano l'esistenza di un ponte medievale. Il percorso auditorium arriva sino all'attacco del colle della Fiera dive stava un torrione con una porta di ingresso, ancora oggi visibile dietro la cattedrale, in largo Mons. Tasso.

Dal primo arco gotico del XIV sec è stato scavato già negli anni 60 dalla Soprintendenza un ingresso alla chiesetta che era il succorpo della Cattedrale attuale, una antica chiesa del XIII sec come dimostrano i costoloni laterali in stile francese dei quattro angoli; questa chiesa succorpo era nell'antica piazza che era posta a livello inferiore rispetto all'attuale. A seguire dei pilastri centrali eretti appositamente e l'interramento della chiesa nel XIV sec ca., con costrizioni di muraglie che hanno tranciato l'antico perimetro interno,hanno permesso la costruzione della chiesa della Santissima Annunziata sopra questo strato di appoggio, che fino al 1819 stava sulla piazza, accanto la chiesetta della Madonna delle Grazie, poi trasformata Collegiata insigne di Santa Maria del Ponte (secc. XVI-XVIII). L'annualità verrà demolita per edificare la facciata neoclassico della cattedrale.

Il cosiddetto Corridoio fu realizzato come nuovo percorso carrabile dalla città vecchia fino al Prato della Fiera, nonché come sostegno della nuova chiesa della Madonna che si andava edificando dopo il 1488, come dimostrano documenti registrati dagli storici Anton Ludovico Antinori e Corrado Marciani. Ulteriormente la cattedrale attuale fu rifatta con nuovo progetto del 1785 in forme tardo barocche.

Lungo il Corridoio del '500 si trova una lapide funebre del 1529 che ricorda il patrizio Giovan Pietro Bonanno, un tempo sepolto in cattedrale, a seguire dagli archi gotici si ammira il fosso sottostante del pozzo Bagnaro con il muro concavo del 1904 realizzato dall'architetto Filippo Sargiacomo per contenere il tetteno di riporto utilizzato per costruire il piano del nuovo Corso Trento e Trieste. Di fatto l'arco del ponte del XVI src che guardava a sud è stato tamponato dal muro.

244338651_423347985806554_5355822433737850528_n.jpg

Mission

Dall'inizio 2022, l'Associazione "Amici di Lancianovecchia", in formale accordo scritto con il Comune di Lanciano, si è assunta l'impegno tramite dei soci volontari, di gestire l'affluenza dei turisti, spesso i pellegrini in visita al santuario francescano del Miracolo eucaristico, che scendono dall'aula San Legonziano con gli affreschi del XVI sec., attraverso la cappella della cisterna romana, percorrendo a ritroso il percorso archeologico scavato a fine anni '90 sotto la piazza Plebiscito. Un compito, quello di accogliere i turisti con depliant illustrativi, una tv che mostra un filmato sulle bellezze di Lanciano e dintorni, che l'Associazione si è assunta con grande partecipazione e apprezzamento da parte dell'Ufficio turistico competente del Comune, e dalle stesse guide turistiche, in visita coi gruppi.

A NATALE... IL "DIOCLEZIANO" DIVENTA CANTIERE DELLA RASSEGNA DEI PRESEPI ARTISTICI, 31sima edizione nel 2022-2023

Ormai dal lontano 1990, l'Auditorium Ponte di Diocleziano diventa location ideale per una rassegna di presepi artistici in esposizione, da parte di espositori regionali e non solo, e da parte di istituzioni scolastiche lancianesi e dei paesi della provincia di Chieti, Pescara, Teramo, e da parte di associazioni varie e istituti di beneficienza, assistenza sociale e carità. Le arcate del maestoso Ponte e l'ex chiesetta dell'Annunziata diventano teatro del Natale, delle tradizioni, dell'amore per l'Arte. Dal 1995 si è aggiunta una mostra nella mostra, la rassegna della "Natività nell'Arte", dove si selezionano opere di vari artisti abruzzesi e non solo, dedicate specificatamente al tema della Nascita di Gesù Bambino.

316669372_147853314663907_7199516046295127684_n
273586968_4766086673428617_2226190678169104064_n
244338651_423347985806554_5355822433737850528_n
75356900_2381642035486102_2728114736238428160_n
233040938_10219859852822220_7799570464697343683_n
68361970_2578490065514793_3648015246922088448_n
43422560_1947105558712905_7779205076169523200_n
43317165_1947113425378785_9205256749563510784_n
43315860_1947114395378688_632835140116021248_n
32440345_10213627905745703_220182872818974720_n
26850545_1622923831131081_1184468177039440765_o
1012369_10151744556656291_1523685612_n
12805979_141754582880490_3131249073280282076_n
273586968_4766086673428617_2226190678169104064_n
20210316_115142
20210316_115144
20190903_173342
20190906_113732
316874329_674586567447158_1298147924492171577_n
316836187_1507214376424638_8877435594424648918_n
316782539_691858565583001_6620638427422877537_n
316745642_2044188759108837_6728090583644953469_n
316745642_836471867593456_1627008555363346796_n
316711505_1070466803621421_4318861253775155723_n
316676270_538672941066820_8073824605899985436_n
316640643_1189291831684897_1295729219656617002_n
316627360_599933275237513_2025837669237773981_n
316621778_589274012968339_7751730233559472999_n
316615876_1534504823731200_4380613135204667149_n
316570308_718447932508795_7233663923232064821_n
316563433_672736321230476_1869895136640799544_n
316612432_504578008296813_5108005821281173420_n
316558578_5698118690305942_3097444352756151465_n
316558578_1318111528923193_1342632616307404056_n
316554815_479571650824247_5881617106245517741_n
316403994_802169077754874_187841766506594612_n
316836187_1507214376424638_8877435594424648918_n
273586968_4766086673428617_2226190678169104064_n
244338651_423347985806554_5355822433737850528_n
75356900_2381642035486102_2728114736238428160_n
233040938_10219859852822220_7799570464697343683_n
68361970_2578490065514793_3648015246922088448_n
43422560_1947105558712905_7779205076169523200_n
43317165_1947113425378785_9205256749563510784_n
43315860_1947114395378688_632835140116021248_n
32440345_10213627905745703_220182872818974720_n
26850545_1622923831131081_1184468177039440765_o
1012369_10151744556656291_1523685612_n
12805979_141754582880490_3131249073280282076_n
273586968_4766086673428617_2226190678169104064_n
20210316_115142
20210316_115144
20190903_173342
20190906_113732